HHV-6 Mediated Mitochondrial Modulation and Its Association to ME/CFS | Solve ME/CFS Initiative

“Infections are frequently associated with chronic disease development and likely, play crucial roles in
the onset or progression of several human disorders that are not classified as infectious diseases.
Myalgic encephalomyelitis (ME)/Chronic Fatigue Syndrome (CFS) is one such example. However, the
precise role of pathogens in ME/CFS development remains, predominantly, uncharacterized. Human
Herpesvirus 6 (HHV-6) is frequently associated with several human diseases including ME/CFS. Work
from my laboratory as well as from others have shown that HHV-6 frequently integrates into human
chromosomes in order to achieve latency (ciHHV-6). Originally, ciHHV-6 was thought to be the dead
end for the virus. However recent publications demonstrate that certain timely triggers like
circumstances of immune suppression or influence of various drugs and/or pathogenic infections can
activate the integrated virus. [..]”

http://solvecfs.org/hhv-6-mediated-mitochondrial-modulation-and-its-possible-association-to-mecfs/

Epstein-Barr Virus in Systemic Autoimmune Diseases

“Systemic autoimmune diseases (SADs) are a group of connective tissue diseases with diverse, yet overlapping, symptoms and autoantibody development. The etiology behind SADs is not fully elucidated, but a number of genetic and environmental factors are known to influence the incidence of SADs. Recent findings link dysregulation of Epstein-Barr virus (EBV) with SAD development. EBV causes a persistent infection with a tight latency programme in memory B-cells, which enables evasion of the immune defence. A number of immune escape mechanisms and immune-modulating proteins have been described for EBV. […]”

https://www.hindawi.com/journals/jir/2013/535738/

La risposta delle cellule T nella diagnosi della malattia di Lyme – paolomaccallini

“In questi giorni è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista Clinical Infectious Diseases uno studio su un test di stimolazione delle cellule T nella diagnosi della Lyme precoce (Early Lyme) (Callister, SM et al. 2016). Sebbene numerosi studi su metodologie analoghe siano stati prodotti fin dalla scoperta dell’agente eziologico della malattia di Lyme, questa pubblicazione sembra il segno di una apertura verso il riconoscimento di tale metodica diagnostica. […]”

https://paolomaccallini.wordpress.com/2016/05/08/first-blog-post/

Il gene del male – paolomaccallini

“I mastociti

I mastociti sono un tipo di leucociti appartenenti alla categoria dei granulociti (vedi figura 1). Nella fase non ancora matura li troviamo nel sangue, da cui si diffondono a tessuti diversi (pelle, mucosa, cervello, vie respiratorie) dove evolveranno verso il fenotipo maturo. […]”

https://paolomaccallini.wordpress.com/2016/10/20/il-gene-del-male/#like-2903

La nemesi e l’umbratile custode

paolo maccallini

Tra le altre cose, mi è capitato di studiare un modello quantitativo per la riduzione del metabolismo di B. burgdorferi quando il battere è esposto a sostanze per lei tossiche, come la doxiciclina. Infatti è così che la spirocheta si difende e sopravvive alla doxiciclina: diminuisce il suo metabolismo (Sharma, B et al. 2015) e si gonfia, riducendo il rapporto superficie/volume di circa 6 volte (Maccallini, P).

Ebbene, ieri stavo riguardando la soluzione del sistema di equazioni che ho usato per descrivere la velocità del metabolismo di una colonia di spirochete, e ho capito. Quello che stavo osservando, tra il confuso e lo stupidamente compiaciuto, era il dauer di Naviaux, l’ipometabolismo dei mitocondri descritto da Robert Naviaux nel recente articolo sul metabolismo dei pazienti CFS! Più precisamente, avevo descritto l’ipometabolismo di B. burgdorferi, il dauer di questa spirocheta.

Quello che voglio dire è…

View original post 127 altre parole